Anche gli animali sono persone – di Harriet Long

Foto dell'autore
Aggiornato su

Il blog I Love Veterinary è supportato dai lettori e potremmo guadagnare una commissione dai prodotti acquistati tramite i link in questa pagina, senza costi aggiuntivi per te. Ulteriori informazioni su di noi e sul nostro processo di revisione dei prodotti >

di Harriet Long ( Harriet la studentessa veterinaria )

È facile farsi prendere dal "bolla della scuola veterinaria". Sei circondato da persone che vogliono dedicare la propria vita agli animali e che spesso apprezzano la loro salute e il loro benessere al di sopra del proprio. Sembra che tutti stiano lavorando per raggiungere l'obiettivo comune di migliorare la vita degli animali ed è facile dimenticare che non tutti la pensano in questo modo. Questo finché non te ne vai. Ho avuto il vantaggio di studiare neuroscienze in un'università non veterinaria che mi ha fornito sia un eccellente insegnamento in una materia che amo sia un duro ricordo che non sono la stessa di 33028731 10214338858038842 4320263210264428544 n I Love Veterinary - Blog per veterinari, tecnici veterinari, studentitutti gli altri. Prima di farci distrarre da quanto siamo speciali (perché i veterinari/infermiere veterinarie/tecnici veterinari/addetti alla reception/chiunque ho escluso sono davvero fantastici secondo la mia modesta opinione) penso che chiunque sia mai entrato in contatto con il grande pubblico lo sappia di cosa sto parlando. Vediamo i proprietari che sono disposti a fare qualsiasi cosa per i loro animali e quelli che vogliono che sopprimiamo un cane perfettamente sano perché non lo vogliono più. Sebbene sia importante riservare il giudizio (come ho ovviamente dimostrato in modo così eccellente nella frase precedente), le domande comuni che mi vengono poste da alcuni membri del pubblico e da altri professionisti (*tosse**tosse*medici*tosse*) implicano fortemente che questo fa parte di un problema più grande.

cane 3404931 1920 I Love Veterinary - Blog per veterinari, tecnici veterinari, studentiOra non fraintendermi, alcuni dei miei migliori amici sono medici, ma sembra proprio che non lo facciano prendilo (probabilmente molto simile al modo in cui penso che gli umani siano piuttosto disgustosi). La differenza è che non voglio dire che le loro intere carriere non siano necessarie e ogni volta che un essere umano va al GP con un po' zoppicando dovrebbe essere sparato in faccia. Ok, quindi potrei aver utilizzato qualche iperbole lì, ma a quanti di noi è stato chiesto perché non volevamo diventare "veri medici" e quanti contributori attivi alla scienza sono trascurati dalla comunità scientifica nel suo insieme solo perché i loro focus è sul campo veterinario? Avendo trascorso del tempo a lezioni e circondato da medici e da coloro che fanno scienze biomediche, non credo che la vera importanza del benessere degli animali sia mai affrontata (a parte le 3R) e sicuramente non nella stessa misura in cui la salute umana è evidenziata in insegnamento veterinario. Ovviamente, non è una componente enorme del corso, ma se devo vedere le foto grafiche di una donna che partorisce dalla fine dell'attività (per così dire), allora perché è la cosa peggiore al mondo per i corsi "medici" suggerire che esistono altri animali sul pianeta Terra diversi dagli umani? Voglio dire, un importante disclaimer è che non ho preso l'epidemiologia in cui l'importanza di entrambe le professioni può essere data più peso, ma conosco alcuni incredibili contributori nel campo delle neuroscienze (Dott.ssa Luisa De Risio, Dott. Simon Platt, Dott. Holger Volk, Dr. Clare Rusbridge per citarne solo alcuni) che sono anche membri del campo veterinario e di cui nessuno dei docenti con cui ho parlato sapeva nulla. cat 3038253 1920 I Love Veterinary - Blog per veterinari, tecnici veterinari, studenti

Ok, quindi cosa ha portato a questo sfogo? In combinazione con gli atteggiamenti generali di alcuni degli studenti con cui sono entrato in contatto e dei docenti che erano apertamente sorpresi dal fatto che chiunque avesse frequentato la scuola veterinaria avesse imparato qualcosa sulle basi embriologia (usando i pulcini come modello che, si sa, sono animali) Ho ricevuto alcuni feedback interessanti dal secondo pennarello su una delle mie dissertazioni. Sotto il titolo "contenuto che era stato omesso o frainteso" c'era il seguente:

'Vorresti spiegare l'importanza di questo studio per la salute umana'

33058427 10214338889559630 96724158154539008 n1 I Love Veterinary - Blog per veterinari, tecnici veterinari, studentiOra, per dare un contesto, il mio progetto come concordato con il mio supervisore (che è stato fantastico) era quello di proporre un nuovo studio e avevo scelto di concentrarmi sulle diete chetogeniche nella disfunzione cognitiva canina. Il modulo non specificava che doveva essere focalizzato sull'uomo, ed era ben espresso nei miei obiettivi che CCD era ciò che stavo guardando in modo specifico. Ho anche ricevuto una domanda simile da un membro separato del personale di ricerca quando ho dovuto presentare la mia proposta. Anche se gli scettici tra di voi potrebbero chiedersi se questo è solo il fatto che io sia amareggiato per il fatto che mi sia stato negato un paio di percento in più sulla mia tesi (e, non fraintendetemi, hai un po' ragione), penso che questo parli di un problema che noi come membri della professione veterinaria sappiamo è vero ma a volte non vogliamo pensarci troppo. Il fatto che i membri chiave della comunità di ricerca non possano pensare agli animali su cui vale la pena concentrarsi, anche nel contesto di uno studio teorico universitario che è improbabile che accada mai.

Non ho intenzione di aprire un dibattito sui test sugli animali, ma sembra che tutti dimentichino che il motivo per cui sappiamo così tanto sul dolore e sulla farmacologia e praticamente tutto nella scienza è dovuto ai modelli animali. Negare che abbiano la capacità di provare sentimenti o somiglianze con gli umani in qualsiasi modo significa negare la base della maggior parte della nostra conoscenza scientifica. Solo perché una serie di mutazioni casuali risultanti nella selezione naturale e nella successiva evoluzione ha fatto sì che un'area di Broca si fosse sviluppata abbastanza da formare un linguaggio specifico (e qualcosa a che fare con il FOXP2, è tutto), non significa che essi non possono sentire perché non possono dircelo in modo specifico con le parole, e certamente non significa che non meritino lo stesso livello di trattamento dei nodi bipedi che hanno finito per distruggere i loro habitat o riprodurli finché non ne hanno avuto bisogno intervento chirurgico per respirare (leggi: brachicefalico). Non negheresti che qualcuno dalla Francia stesse soffrendo perché non potevano dirti come si sentiva in inglese (a meno che tu non sappia parlare anche francese o loro parlano inglese, nel qual caso questa analogia non funziona affatto), quindi perché alcune persone applicano gli stessi principi agli animali? Perché è così impossibile immaginare che potrebbero beneficiare di opzioni di trattamento più avanzate?  32384054 10214338868239097 3625287469697597440 n I Love Veterinary - Blog per veterinari, tecnici veterinari, studenti

Ovviamente, ovviamente, devo aggiungere diversi disclaimer a questo. Non ho seguito tutti i moduli disponibili in questa università, non ho parlato con tutti (non ho l'energia o le abilità sociali per gestire francamente quel livello di interazione) e so che ci sono molti non-vetty persone là fuori che amano i loro animali e tutti gli animali per quella materia. anche io NON ODIO I MEDICI. Penso solo che qualcosa nell'insegnamento che ricevono non si presti a rispettare la professione veterinaria tanto quanto ci viene insegnato a rispettarla. Se sei un medico che ha finito per leggere questo e pensi di essere un'eccezione, è meraviglioso se non sei d'accordo con qualcosa che ho detto, va bene lo stesso. Penso che colmare il divario tra i due campi inizi con il riconoscere che c'è un divario, tanto per cominciare. Per la cronaca, anche io non odio gli umani, per la maggior parte comunque.

Sto semplicemente dicendo che alla fine di quest'anno ho avuto l'impressione che alla gente non importi. Chiamami testardo, ma Diventerò il miglior neurologo veterinario nel mondo (o, forse nell'Essex per essere realistici) solo per farli incazzare. E tu sai, i veri medici trattano più di una specie.

La condivisione è la cura!

Foto dell'autore

AUTORE

Progetto dedicato al supporto e al miglioramento della Medicina Veterinaria. Condivisione di informazioni e discussioni nella comunità veterinaria.