Disimballaggio della cheratite nei gatti (eosinofila, ulcerosa e non ulcerosa)

Cheratite nei felini 

La cheratite nei gatti è una malattia oculare comune in cui la cornea si infiamma. La cheratite dell'occhio di gatto può, come suggerisce il nome, influenzare la vista di un gatto e renderli temporaneamente ciechi. Tuttavia, fortunatamente, nella maggior parte dei casi, è facilmente curabile, anche se in alcuni casi è necessario un intervento chirurgico.  

Ma come si individua la classica cheratite dell'occhio di gatto e qual è il miglior trattamento per la cheratite nei gatti? Continua a leggere per scoprirlo!  

Occhi di gatto

I diversi tipi di cheratite felina

La cheratite del gatto è una malattia infiammatoria dell'occhio piuttosto dolorosa che colpisce la cornea, lo strato superficiale esterno dell'occhio. Lo strato corneale è costituito da tre strati di cellule: l'epitelio corneale, lo stroma corneale e l'endotelio corneale. 

Di solito, questi strati sono trasparenti, ma quando iniziano a comparire gli occhi di gatto con cheratite, lo strato può diventare annebbiato, limitando la visione del gatto. 

La cheratite felina può colpire gatti di tutte le età e razze, e così tante possibili cause rendono difficile la prevenzione. 

A seconda della causa dell'infiammazione, i medici della cheratite felina suddividono la cheratite in tre tipi: 

  • Cheratite ulcerosa. 
  • Cheratite non ulcerosa.
  • Cheratite eosinofila. 

A volte la cheratite felina si verifica in concomitanza con la congiuntivite - infiammazione dello strato interno dell'occhio. È, tuttavia, solo a volte il caso. La congiuntivite può manifestarsi indipendentemente dalla cheratite e viceversa. Leggi il nostro articolo e scopri Congiuntivite nei cani.

Cheratite eosinofila felina

Che cos'è?

La cheratite eosinofila nei gatti è un'infiammazione cronica della cornea in cui gli eosinofili (un tipo di globuli bianchi) invadono la cornea. Nella maggior parte dei casi, l'infiltrazione di eosinofili darà agli occhi un aspetto bianco o rosa, gessoso. In alcuni casi può diffondersi anche nella parte inferiore delle palpebre o nella membrana congiuntivale! 

Gli eosinofili fanno parte del sistema immunitario e in genere compaiono come risposta alle reazioni allergiche quando i parassiti si infiltrano nel corpo. 

Ma perché gli eosinofili si infiltrano nell'occhio senza che siano presenti parassiti? La risposta breve è che non lo sappiamo ancora! 

Segni/sintomi clinici

Le caratteristiche lesioni rosa sugli occhi sono spesso la prima cosa che i proprietari di gatti notano. Questi cambiamenti possono comparire in un occhio (unilaterale) o in entrambi (bilaterale). Le lesioni spesso compaiono prima sul bordo della cornea. Successivamente, si sono diffusi attraverso l'occhio. 

La palpebra può anche infiammarsi e ispessirsi in risposta alla condizione, ma non appare in tutti i casi. Come con altri tipi di cheratite, è probabile che si verifichi uno strabismo a causa dell'irritazione e il gatto può anche mostrare segni di dolore. Anche i gatti colpiti sviluppano spesso una secrezione densa. 

Diagnosi

La diagnosi è spesso possibile solo sui segni clinici. La diagnosi finale richiede la citologia corneale, in cui viene prelevato un piccolo campione della superficie oculare e posto al microscopio per valutare la presenza degli eosinofili. 

Trattamento

Il miglior trattamento della cheratite eosinofila nei gatti sono gli steroidi topici o, nei casi più gravi, gli steroidi orali o iniettabili. Se è già presente un'ulcera corneale, sarà necessario un trattamento prima di iniziare il trattamento con steroidi. 

Alcuni veterinari suggeriscono di utilizzare metodi chirurgici per rimuovere il tessuto anomalo dalla cornea nei casi più gravi. Tuttavia, nessuno studio clinico supporta attualmente l'uso della chirurgia per gestire la cheratite eosinofila. 

I controlli dopo il trattamento sono spesso necessari per monitorare come il gatto risponde alla terapia e modificare il piano di trattamento se necessario. Molto probabilmente, il tuo gatto avrà bisogno di cure per tutta la vita poiché la condizione è cronica. 

Cause

L'esatta eziologia (causa) della cheratite eosinofila è ancora sconosciuta. Tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che la maggior parte dei gatti che soffrono della condizione sono anche positivi per il virus dell'herpes felino. Il virus dell'herpes può quindi svolgere un ruolo ancora da scoprire. 

È più comune nei gatti più giovani di età inferiore ai cinque anni e alcune prove aneddotiche suggeriscono che sia visto più frequentemente nei maschi castrati. 

Prognosi

La cheratite eosinofila è una condizione cronica, il che significa che i gatti avranno bisogno di cure e controlli per tutta la vita per gestire la condizione. È anche probabile che un'interruzione del trattamento porti al peggioramento della condizione. Tuttavia, con il trattamento corretto, nella maggior parte dei casi è possibile garantire una buona qualità della vita e una vista sufficiente. 

Cheratite ulcerosa nei gatti

Che cos'è?

La cheratite ulcerosa è più spesso associata allo strato superficiale della cornea - l'epitelio corneale dove provoca un'erosione della superficie. Può progredire più in profondità nel tessuto corneale se non trattato, causando un'ulcera corneale. La tendenza a sviluppare i tessuti è da dove questo tipo di cheratite prende il nome.  

Segni/sintomi clinici

I sintomi associati a questo tipo di cheratite dipendono dalla causa e da quanto tempo il gatto ha sofferto della cheratite. I primi sintomi sono spesso facili da perdere poiché questi includono più comunemente una maggiore produzione di lacrime, strabismo e sfregamento degli occhi. Alcuni gatti possono anche essere più inclini a evitare la luce o a lampeggiare di più.

Spesso è presente anche lo scarico dagli occhi. La secrezione oculare sarà spesso di colore verde o bianco e può variare in quantità. 

Ti aspetteresti anche che le aree di tessuto intorno agli occhi diventino rosse o gonfie. Se la cheratite è presente da molto tempo, anche i vasi sanguigni all'interno dell'occhio possono apparire più chiaramente. Alla fine, i proprietari potrebbero persino essere in grado di vedere la cornea nebbiosa. 

Diagnosi

La condizione viene spesso diagnosticata in base alla storia e ai sintomi clinici. In molti casi, un veterinario può anche eseguire una colorazione degli occhi con fluoresceina. Se l'epitelio corneale è danneggiato, il colore della fluoresceina si attaccherà alle cellule sottostanti e apparirà macroscopicamente come un verde brillante dove si trova il trauma. Ma non preoccuparti; il colore verde scomparirà di nuovo!

Trattamento

Il trattamento dipende dalla causa e dalla gravità della condizione. Se la condizione risponde alla malattia di base, il veterinario si occuperà principalmente di questo. Nella maggior parte dei casi, la chirurgia non è necessaria. 

È probabile che il veterinario prescriva colliri, con o senza antibiotici. Nella maggior parte dei casi, sarà anche necessario che il gatto indossi un cono o un collare elettronico per prevenire ulteriori danni ai tessuti. 

A volte può essere necessario un intervento chirurgico per rimuovere le cellule danneggiate e sciolte dalla superficie dell'occhio. Questa procedura è, ovviamente, eseguita in anestesia generale. Rimuovere le cellule può essere sufficiente, ma a volte il tuo gatto potrebbe aver bisogno di una lente a contatto posizionata per un paio di settimane per garantire una corretta guarigione. 

Cause

Diverse cose possono portare a cheratite ulcerosa. Alcuni di questi includono lesioni traumatiche dell'occhio, malattia nelle ghiandole che producono lacrime, produzione anormale di lacrime o malattia primaria della cornea. 

Tuttavia, può anche essere una risposta a una malattia infettiva, come il virus dell'herpes felino. Questo è anche noto come cheratite da herpes del gatto. 

Prognosi

Se l'ulcera corneale è solo superficiale, il collirio e il riposo saranno, nella maggior parte dei casi, sufficienti. Saranno necessari continui controlli con tintura di fluoresceina per confermare che il processo di guarigione sta progredendo. 

La prognosi è più riservata se è necessario un intervento chirurgico, ma la maggior parte dei gatti dovrebbe riprendersi in tempo. 

Prevenire la cheratite ulcerosa ricorrente nei gatti non è del tutto possibile, ma l'applicazione di colliri lubrificanti può aiutare alcuni gatti. 

Occhi di gatto

Cheratite felina non ulcerosa

Che cos'è?

La cheratite non ulcerosa è ancora un'infiammazione della cornea, ma a differenza del tipo ulcerativo, non apparirà alcuna macchia di fluoresceina sull'occhio poiché non c'è ulcera. Esistono diversi tipi di cheratite non ulcerosa.

Uno dei tipi è quando la cornea e la sclera si uniscono a causa di un'infiammazione superficiale. Un altro tipo è dove muore parte del tessuto corneale. È probabile che l'accumulo di liquidi si verifichi quando il tessuto muore e possono comparire lesioni pigmentate. 

L'infiammazione superficiale può verificarsi a qualsiasi età, ma il rischio è maggiore nei gatti dai quattro ai sette anni. L'altro tipo può verificarsi a qualsiasi età, ma tende ad essere più diffuso in alcune razze di gatti, inclusi i gatti persiani, siamesi e birmani. 

Segni/sintomi clinici

I sintomi clinici dipendono anche dal tipo e dalla causa. Con l'infiammazione della cornea, può essere infiltrata dagli eosinofili (solo senza un'ulcera) e apparire come aree gessose bianche o rosa nell'occhio. Spesso questo riguarda solo un occhio. 

Quando l'herpesvirus è la causa principale, spesso coinvolge lo stroma. Qui entrambi o un occhio sono interessati. Il primo sintomo è spesso l'accumulo di liquidi. 

Quando una parte del tessuto della cornea muore, di solito coinvolge solo un occhio, ma può coinvolgere entrambi. Qui il primo sintomo sarà spesso placche ambrate, marroni o nere vicino al centro della cornea. Il tessuto può anche apparire ispessito e i vasi sanguigni possono diventare visibili. 

Con tutti i tipi, è probabile che si veda un livello di scolorimento della cornea e dolore e fastidio agli occhi.  

Diagnosi

La cheratite non ulcerosa è spesso possibile da diagnosticare solo sui sintomi clinici, ma la maggior parte eseguirà comunque un esame fisico e esame oftalmologico (oculare).n per garantire che tutto sia coperto. Il veterinario può anche eseguire una biopsia della cornea. 

Trattamento

Con la cheratite non ulcerosa, il piano di trattamento a volte può essere leggermente diverso rispetto agli altri tipi di cheratite. Se il gatto soffre principalmente di infiammazione, le radiazioni o la crioterapia possono far parte di un piano di trattamento per tentare di rimuovere il tessuto morto. 

La rimozione chirurgica può essere curativa se la condizione assume principalmente la forma della morte del tessuto corneale, ma in molti casi esiste un alto rischio di recidiva. Generalmente, la necessità di un intervento chirurgico viene determinata in base al fatto che il gatto sia in un disagio significativo. 

Cause

Come già accennato, esistono diversi tipi di cheratite non ulcerosa, che spesso hanno eziologie diverse. Non comprendiamo appieno il motivo per cui il tessuto corneale tende a morire in un tipo, ma si sospetta che sia in parte dovuto a traumi precedenti o irritazione corneale a lungo termine. 

La cheratite non ulcerosa può verificarsi anche a causa del virus dell'herpes. Tuttavia, gli scienziati ritengono che la cheratite non ulcerosa sia una reazione immuno-mediata all'antigene dell'herpesvirus piuttosto che un effetto diretto dell'infezione virale. Colpisce comunemente lo strato intermedio della cornea. 

Prognosi

Sebbene alcuni tipi di trattamento possano essere curativi, è più probabile che il tuo gatto soffra di malattie corneali ricorrenti per le quali sarà necessario un trattamento. Dopo il trattamento, tuttavia, se il tuo gatto rimane in remissione con segni clinici scarsi o assenti, potrebbero essere necessari meno controlli. 

I proprietari di gatti dovrebbero, tuttavia, essere consapevoli del rischio che i gatti alla fine soffrano di cecità completa e permanente. 

Profumazione

Per riassumere, ci sono tre tipi di cheratite non ulcerosa. Uno è dovuto all'herpesvirus, l'altro è l'infiammazione della cornea e l'ultimo è dove muore parte del tessuto della cornea. 

FAQ

Che cos'è il virus dell'herpes felino? 

Il virus dell'herpes felino (FHV) è una malattia comune tra i gatti, con alcuni che suggeriscono che fino all'80% dei gatti abbia il virus. La maggior parte dei gatti guarisce dall'infezione iniziale ma continua a portare e diffondere la malattia. Alcuni gatti avranno ripetute riacutizzazioni e sintomi ricorrenti, alcuni dei quali potrebbero essere correlati agli occhi. 

La cheratite felina è dolorosa? 

Nella maggior parte dei casi, la cheratite è dolorosa a causa dell'infiammazione. Se si verifica un'ulcerazione, diventa significativamente più dolorosa e dovrebbe ricevere cure veterinarie immediate. 

Come capire se un gatto sta soffrendo? 

Può essere notoriamente difficile capire se un gatto sta soffrendo e può essere quasi impossibile se si tratta di un gatto che vive all'aperto. Tuttavia, anche se non riesci a vedere lo scarico proveniente dall'occhio, è probabile che tu riesca a vedere uno o entrambi gli occhi parzialmente chiusi. Forse puoi anche vedere un po 'di rossore intorno all'occhio o addirittura dentro. 

I gatti tendono anche a nascondersi quando sono a disagio. Quindi, se il tuo gatto precedentemente socievole ti rimane improvvisamente lontano, potrebbe essere il momento di fare un controllo extra a quel gattino! 

Come viene diagnosticata la cheratite felina? 

La maggior parte dei veterinari può diagnosticare la cheratite dai soli sintomi clinici, ma in alcuni casi può essere necessaria la citologia per confermare la diagnosi. 

Cosa succede se la cheratite non viene trattata? 

La cheratite è, nella maggior parte dei casi, dolorosa e i gatti dovrebbero quindi ricevere un trattamento. Tuttavia, è necessario anche il trattamento in quanto altrimenti possono verificarsi complicazioni. Le complicazioni possono includere la crescita anormale dei vasi sanguigni nella cornea e infezioni batteriche secondarie, che possono portare alla perforazione dell'occhio e allo sviluppo del sequestro. 

La cheratite felina è infettiva? 

L'herpesvirus felino è contagioso. Tuttavia, la cheratite è raramente contagiosa per altri gatti o esseri umani. Tuttavia, le infezioni batteriche secondarie o la congiuntivite possono infettare altri gatti e i gatti dovrebbero quindi essere isolati fino a quando un veterinario non li esclude. 

Alcune razze sono più inclini alla cheratite? 

Nessuno studio scientifico ha rilevato che una razza di gatto ha maggiori probabilità di soffrire di cheratite rispetto ad altre. Tuttavia, alcune prove aneddotiche suggeriscono che alcune razze sono più inclini a sviluppare cheratite ulcerosa. 

Simpatico gatto con gli occhi verdi

Ricapitolare

La cheratite felina di qualsiasi tipo può causare al tuo gatto un disagio significativo ed è qualcosa da prendere sempre sul serio. Supponi di vedere sintomi simili a quelli sopra menzionati o sospetti che il tuo gatto possa soffrire di cheratite? In tal caso, è il momento di chiamare il veterinario.