Intervista a Teresa Earnheart – Vet Tech che ha imparato le mani

Ciao Teresa! Presentati al nostro pubblico.

Ciao, mi chiamo Teresa. Sono moglie, madre e nonna. Lavoro in un piccolo animale, uno studio medico a Lawrenceville, in Georgia. Ho 52 anni e svolgo questa professione da 23 anni. E vado ancora forte. Ho 3 gatti e un cane. Amo la citologia, la profilassi odontoiatrica e l'educazione dei clienti. Il mio nuovo interesse è per il comportamento animale. 

Teresa Guadagna Cuore

Perché hai deciso di diventare un tecnico veterinario?

Ho lavorato in un asilo nido per 7 anni. Sono stato morso da un bambino di 3 anni. Ho quindi deciso di lavorare con gli animali perché mordere è uno dei modi in cui gli animali comunicano. I bambini hanno una voce, purtroppo gli animali non possono spiegarti cosa c'è che non va. Quindi, quando hanno paura, a volte possono mordere o graffiare. Amo lavorare con pazienti paurosi e portarli dove non hanno più paura. Il mio ricordo preferito riguarda Wriggley, un bassotto diabetico. Il suo proprietario ha chiamato spiegando che gli era stato recentemente diagnosticato ma è stato cacciato dal suo attuale ospedale veterinario a causa dei morsi. Ho subito voluto incontrare Wriggley e cercare di guadagnarmi la sua fiducia. Il nostro primo incontro non è andato come previsto. Mi ha morso il pollice piuttosto male. Il prossimo incontro è stato per la sua curva glicemica. Mentre era con noi mi sono seduto in canile con lui. L'ho lasciato venire da me, non ho mai provato a toccarlo. Col tempo e con ogni interazione alla fine mi sono guadagnato la sua fiducia. Mi ha permesso di prenderlo in braccio e farci prelevare il suo campione di sangue. È migliorato ad ogni visita. Non solo si fidava di me, alla fine permise a tutti i membri del team di gestirlo. A tutt'oggi guadagnare la sua fiducia è ancora il mio momento più orgoglioso. 

Dove hai studiato?

Sono uno dei fortunati a cui è stato assegnato il nonno. Non ho frequentato una scuola di tecnologia veterinaria. Non sono mai stato intelligente, io hanno sempre imparato in modo pratico. Mi è stato richiesto di lavorare sotto un veterinario autorizzato per cinque anni e poi sostenere l'esame nazionale. Ho studiato duramente e ho superato. Ero estremamente entusiasta di avere questa opportunità. Avere il titolo di tecnico veterinario è molto importante. Dobbiamo rendere la comunità più consapevole di ciò che facciamo. Quindi, è bello vedere la comunità veterinaria pubblicare sui social media le proprie esperienze quotidiane e spargere la voce sul lavoro che svolgiamo. Consiglio ad altri di andare a scuola. Sfortunatamente, molti tecnici non vengono pagati abbastanza per coprire i debiti scolastici o addirittura per mantenersi. Speriamo di poterlo cambiare per le generazioni future.

Teresa Guadagna Cuore

Quali consigli hai per il nostro pubblico di studenti di veterinaria e i tuoi colleghi?

Non è così facile come penseresti. È fisicamente ed emotivamente drenante alcuni giorni. Come ho detto, ho 52 anni e continuo a sollevare e trattenere cani di grossa taglia. Il mio corpo mi dice ogni sera che non dovrei alzarmi. E il mio cuore a volte fa male a causa dello stress emotivo. Ma alla fine, per me vale tutto. Sono qui per cercare di fare la differenza nella vita di un paziente e di un proprietario. Il mio consiglio è che se ami quello che fai ne vale la pena. 

Come gestisci l'equilibrio tra lavoro e vita privata?

Mi deprimo dipingendo e leggendo. Faccio del mio meglio per partire in tempo. Ho anche una famiglia fantastica a casa e al lavoro. Sì, è dura per il tuo corpo e la tua mente. Avrai sicuramente quei giorni in cui piangi e urli. Avrai anche giorni di respiro da cucciolo e un gattino che prepara i biscotti. Non so come, ma nella mia esperienza il bene sembra scacciare il male. Il mio consiglio è di ricordare perché scegli questo campo e cercare di fare la differenza con gli animali con cui lavori e con i proprietari.

Se potessi confrontare l'ambiente di lavoro quando stavi iniziando come tecnico veterinario e ora, cosa diresti che è cambiato di più? O migliorato?

Quando ho iniziato, non sapevo molto di quello che facciamo e di quanto sia importante il nostro lavoro. Oggi c'è una spinta per far riconoscere la professione. È meraviglioso da vedere. La medicina si è evoluta così tanto che possiamo rendere i nostri animali domestici più a loro agio e migliorare la loro qualità di vita. Poiché le esperienze farmacologiche e chirurgiche sono in continua evoluzione, siamo in grado di offrire ai proprietari maggiori opportunità di prolungare la durata della vita dei loro animali domestici.