Panleucopenia nei gatti (cimurro felino) – Con NUOVI fatti

La definizione di panleucopenia nei gatti 

La panleucopenia nei gatti è una malattia virale altamente contagiosa, spesso fatale. Viene spesso chiamato cimurro felino, ma è più strettamente correlato al parvovirus. La definizione di panleucopenia è una diminuzione di tutte le linee di globuli bianchi nel corpo. 

panleucopenia nei gatti

La panleucopenia felina infetta, replica e rompe le cellule in rapida divisione. I siti caratteristici di infezione includono il midollo osseo, il cuore, l'intestino e il feto in via di sviluppo. A causa di ciò, gattini sono la maggior parte colpiti. 

Quali sono i sintomi della panleucopenia felina?

Il virus della panleucopenia felina è endemico nell'ambiente. L'infezione si verifica nella maggior parte dei gatti ad un certo punto della loro vita; essi mostrano no sintomi! I gatti con condizioni cliniche attive mostrano sintomi tipici. Ciò include piressia (febbre), letargia, anoressia (perdita di appetito), vomito e diarrea. 

Piressia (104°–107°C [40°–41.7°F])

La piressia di solito si verifica dopo un periodo di incubazione da due a sette giorni. Questa è la risposta del corpo all'inizio dell'infezione clinica. 

Letargia e anoressia

Letargia e anoressia si verificano in concomitanza con l'inizio della piressia. La letargia può essere difficile da rilevare nei gatti a causa della loro natura sedentaria. Il disinteresse per il cibo, i giocattoli o l'evitare il contatto con i proprietari possono essere tutti segni di un problema di fondo. 

Vomito e diarrea 

Questo si sviluppa uno o due giorni dopo l'inizio della febbre. La panleucopenia felina distrugge il rivestimento gastrointestinale prendendo di mira le cellule intestinali ad alto turnover. I vomiti sono generalmente bilosi (tinti di bile) e non correlati al mangiare. La diarrea non è sempre presente ed è solo emorragica (sanguinosa) nel 3-15% dei casi. 

Estrema disidratazione 

Si sviluppa quando iniziano il vomito e la diarrea. I gatti colpiti possono sedersi nelle loro ciotole d'acqua per ore, avere il pelo opaco e perdere elasticità nella pelle.

Scarico purulento

La panleucopenia felina danneggia il midollo osseo del gatto e ne indebolisce il sistema immunitario. Di conseguenza, le infezioni secondarie possono causare secrezioni purulente (pus) dagli occhi e/o dal naso del gatto. 

Anomalie fetali

Le gatte gravide infette da panleucopenia felina possono avere una trasmissione transplacentare ai gattini in utero. L'infezione del feto durante la gestazione può causare riassorbimento, mummificazione, aborto o natimortalità. L'esito della malattia dipende dal palcoscenico di gestazione.

Ipoplasia cerebellare

I gattini in utero possono anche sviluppare ipoplasia cerebellare (sottosviluppo). Il cervelletto è un'area del cervello necessaria per la coordinazione. L'ipoplasia del cervelletto fa sì che i gattini nascano senza controllo motorio. Questi gattini hanno anche atassia (gambe traballanti) o tremori. I gattini affetti avranno una mente normale. 

Nei gattini neonatali (di età inferiore a quattro settimane), il cervelletto si sta ancora sviluppando. Pertanto, i gattini giovani infetti da panleucopenia felina sono a rischio di ipoplasia cerebellare.

Morte improvvisa

I casi terminali sono ipotermici e possono causare shock settico o coagulazione intravascolare disseminata. Nei gattini giovani, a volte l'unico sintomo è la morte improvvisa (chiamata gattini sbiaditi). 

Quando i gatti sono più suscettibili alla FP?

È probabile che il virus della panleucopenia felina, come il parvovirus canino, sia prevalente in qualsiasi ambiente. I gattini giovani, i gatti malati e i gatti non vaccinati sono i più suscettibili. I gattini tra tre e cinque mesi mostrano un'infezione clinica con il più alto tasso di mortalità. 

Focolai di panleucopenia felina si verificano spesso durante i mesi più caldi dell'anno. Ciò è dovuto ad un aumento dei gatti che vagano all'esterno ed entrano in contatto con gatti sconosciuti.

Com'è l'infezione Panleucopenia nei gatti Trasmesso?

Le regioni con un'elevata popolazione di gatti fungono da serbatoi di panleucopenia felina. Ciò include allevamenti, rifugi per animali e colonie di gatti selvatici non vaccinati. La trasmissione virale si verifica quando i gatti sensibili entrano in contatto con gatti infetti. Ciò può verificarsi direttamente o indirettamente. 

La diffusione del virus si verifica in tutte le secrezioni e le escrezioni (feci, urina, sangue e saliva). L'esposizione oronasale a gatti infetti, alle loro secrezioni o a fomiti contaminati provoca un'infezione.

La fase acuta della malattia dura da uno a due giorni. Durante questo periodo, anche gli insetti pungenti sono in grado di trasmettere malattie. I sopravvissuti alla malattia possono continuare a diffondere il virus fino a sei settimane dopo il recupero. 

Le particelle virali sono molto resistenti all'inattivazione. Il trasporto del virus su lunghe distanze può avvenire tramite fomiti. I fomiti includono biancheria da letto contaminata, ciotole, scarpe, vestiti e mani non lavate. 

Il virus può sopravvivere fino a un anno nell'ambiente. Molti gatti si infettano senza il contatto diretto con un gatto malato. 

Diagnosi di panleucopenia felina

Le caratteristiche chiave della storia e dei segni clinici possono creare una diagnosi presuntiva. Ciò include l'esposizione a un gatto infetto, la mancanza di vaccinazione e segni di malattia. Anche la presenza di leucopenia su un esame emocromocitometrico completo è un indicatore diagnostico. 

La conferma della diagnosi richiede un kit di test immunocromatografico. Questo rileva gli antigeni fecali del parvovirus canino. Il test ha una sensibilità del 50-80% e una specificità del 94-100%. Sono previsti falsi negativi poiché l'antigene fecale è rilevabile solo per un breve periodo: la vaccinazione di un gatto cinque-12 giorni prima del test può risultare in un falso positivo. 

La diagnosi differenziale si pone con le altre cause di piressia, letargia, leucopenia e segni gastrointestinali. Ciò include malattie batteriche come la salmonellosi o la campilobatteriosi. Anche il virus della leucemia felina (FeLV) e il virus dell'immunodeficienza felina (FIV) possono avere presentazioni simili.

Le infezioni concomitanti del virus della leucemia felina e del parvovirus felino possono manifestarsi con la panleucopenia. È anche essenziale indagare su differenziali non infettivi come tossine o corpi estranei. 

Opzioni di trattamento disponibili contro FP

Non esiste una cura per la panleucopenia felina. Il trattamento si concentra sulla terapia di supporto per consentire al sistema immunitario del gatto di combattere il virus. La fluidoterapia aggressiva e l'assistenza infermieristica di supporto sono i pilastri del trattamento. Questo deve essere in un'unità di isolamento per prevenire la trasmissione del virus. L'implementazione di un'appropriata barriera infermieristica è vitale. 

Una grave disidratazione ha gravi conseguenze e richiede un attento monitoraggio e intervento. Ciò include disturbi elettrolitici, ipoglicemia (basso livello di glucosio), ipoproteinemia (basso contenuto di proteine) e anemia (basso livello di globuli rossi). 

La fluidoterapia endovenosa con una soluzione isotonica bilanciata di cristalloidi è fondamentale. L'aggiunta di vitamine B e 5% di glucosio fornirà anche una terapia di supporto. Le trasfusioni di plasma fresco congelato supportano la pressione oncotica plasmatica e forniscono fattori di coagulazione. Le trasfusioni di sangue intero sono la preferenza nei gatti anemici. 

gatto in fluidoterapia endovenosa

Infezioni batteriche opportunistiche secondarie si verificano a causa di un sistema immunitario debole. La barriera mucosa gastrointestinale interrotta consente anche la traslocazione batterica. Ciò consente ai batteri del sistema gastrointestinale di entrare nel flusso sanguigno. 

Gli antibiotici per via parenterale ad ampio spettro sono un pilastro del trattamento. È fondamentale evitare i nefrotossici (farmaci dannosi per i reni) fino alla correzione della disidratazione. 

È importante considerare altri fattori complicanti come il parassitismo interno. Questo è degno di nota negli ambienti di riparo. Una volta che c'è il controllo del vomito, gli antielmintici (vermifughi intestinali) possono aiutare nel trattamento. 

La terapia antiemetica (anti-vomito) può fornire sollievo sintomatico per consentire l'alimentazione enterale (orale). Maropitant è la prima scelta per i gatti. La combinazione con ondansetron può essere efficace per casi critici. 

L'introduzione della nutrizione enterale dovrebbe avvenire il prima possibile. Ciò favorisce la guarigione della mucosa gastrointestinale, che ricostituisce la barriera mucosa protettiva. La nutrizione parenterale è riservata ai casi critici. I tentativi di nutrizione enterale devono essere effettuati il ​​prima possibile. 

La produzione di interferoni nel corpo esercita un effetto antivirale. L'interferone omega felino ricombinante è stato un trattamento efficace nel parvovirus canino. La FDA non ne approva l'uso per il trattamento della panleucopenia felina!

La pratica diffusa dell'immunoterapia passiva è presente in alcuni paesi. Ciò comporta l'uso di siero immunitario di gatti solidamente immuni o di un prodotto commerciale allevato nei cavalli. Sono disponibili prove limitate sull'efficacia del trattamento. 

La prognosi per i gattini infetti di età inferiore alle otto settimane è sfavorevole. La fornitura di un trattamento intensivo nei gatti più anziani mostra una previsione migliore. Senza cure di supporto, fino al 90% dei gatti sintomatici può morire. 

Effetti collaterali comuni del vaccino contro la panleucopenia

I vaccini contro la panleucopenia felina sono disponibili in forma attenuata di forma di virus vivo modificato. Entrambi sono sicuri e gli effetti collaterali sono rari. 

È essenziale evitare il vaccino con virus vivo modificato nei gatti suscettibili. Ciò include gravide, immunodepressi, malati o gattini di età inferiore a quattro settimane. Gli effetti collaterali possono simulare la vera panleucopenia virale. Come con tutti i vaccini, alcuni gatti possono essere letargici per un giorno o due dopo la vaccinazione. 

I gatti raramente mostrano una grave reazione allergica e vanno in shock anafilattico. Tuttavia, ciò può verificarsi come risultato di una risposta a un adiuvante del vaccino. Una reazione può verificarsi da pochi minuti a poche ore dopo la vaccinazione. Eventuali segni di distress respiratorio o gonfiore facciale dovrebbero essere subito assistito!

Come prevenire la panleucopenia felina nei gatti

La vaccinazione è un modo efficace per prevenire la panleucopenia felina. Il virus è molto immunogeno e i vaccini sono efficaci nel prevenire le malattie. I gatti che guariscono dalla panleucopenia felina di solito hanno un'immunità permanente. 

La vaccinazione dei gattini dovrebbe avere un'età compresa tra sei e nove settimane. Dovrebbero ricevere due o tre dosi di vaccino vivo modificato a tre o quattro settimane di distanza. 

gattino che riceve la vaccinazione

La somministrazione della dose finale non deve avvenire prima delle 16 settimane di età. Questo per dissuadere gli anticorpi materni dall'inattivare il virus del vaccino. È l'ideale per completare una vaccinazione di follow-up a 26-52 settimane di età per assicurare un'adeguata immunizzazione. 

La vaccinazione dei gatti adulti per la panleucopenia felina dovrebbe avvenire almeno ogni tre anni. La vaccinazione annuale è raccomandata nelle regioni con un'elevata popolazione di gatti non vaccinati. 

Sono disponibili kit di test del titolo commerciali per valutare l'immunità di un singolo gatto alla panleucopenia felina. L'uso di questi kit può mitigare la rivaccinazione per i proprietari che preferiscono tale opzione. Limitare l'esposizione al virus a per tutti i nostri marchi storici volte. Ciò include tenere i gatti in casa e lontano da gatti non vaccinati. Evita le aree che sono entrate in contatto con un gatto infetto. 

La panleucopenia felina è resistente a molti disinfettanti domestici. Una soluzione di candeggina diluita 1:32 (al 2% di candeggina per uso domestico) può essere utilizzata per pulire superfici e potenziali fomiti. Anche i disinfettanti a perossido sono molto efficaci!

Pulire le superfici contaminate di materiale organico prima dell'applicazione dei disinfettanti. La soluzione deve essere lasciata per 10 minuti o più a temperatura ambiente per inattivare il virus. 

Eventuali lettiere o giocattoli sporchi usati da un gatto infetto devono essere eliminati.