Uso di antibiotici nel bestiame: come riduciamo la resistenza agli antibiotici dal bestiame?

Aggiornato su

Il blog I Love Veterinary è supportato dai lettori e potremmo guadagnare una commissione dai prodotti acquistati tramite i link in questa pagina, senza costi aggiuntivi per te. Ulteriori informazioni su di noi e sul nostro processo di revisione dei prodotti >

I batteri resistenti agli antibiotici sono un rischio reale. Non solo ai nostri animali e bestiame, ma anche a noi umani. Significa che è meno probabile che la nostra medicina sia in grado di trattare le infezioni batteriche. Potrebbe significare che le infezioni semplici potrebbero diventare fatali. 

Attualmente è considerato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) come uno dei maggiori minacce per la salute umana, così come lo sviluppo e la sicurezza alimentare. Ma come si sviluppa la resistenza agli antibiotici? Cosa c'entra il nostro uso di antibiotici nella produzione di bestiame e come possiamo prevenirlo? 

Batteri resistenti agli antibiotici, uso di antibiotici nel bestiame: ridurre la resistenza agli antibiotici - I Love Veterinary

Che cos'è la resistenza agli antibiotici? E perché è un problema? 

Batteri resistenti agli antibiotici significa che nonostante il uso di antibiotici, cresceranno. Saranno inoltre in grado di svilupparsi, oltre che formare nuove generazioni e popolazioni di batteri resistenti. 

Quasi tutti i tipi di batteri ora resistenti ai farmaci hanno iniziato come facili da uccidere. Si sono sviluppati per diventare nel tempo resistenti ai farmaci. Ma come succede? 

Sviluppo e diffusione della resistenza agli antibiotici 

  • La penicillina è stata inventata nel 1928. In realtà, per caso. Allora c'erano, come adesso, molti germi e batteri. Pochissimi di loro erano resistenti a qualsiasi farmaco o antibiotico.
  • Gli antibiotici sono stati sviluppati e prodotti in serie dal 1944. Naturalmente, è stato utilizzato per uccidere i batteri che causavano malattie negli esseri umani e negli animali. Alcuni dei batteri erano, tuttavia, resistenti agli antibiotici. Spesso questi si erano sviluppati nell'intestino di un ospite. 
  • Gli antibiotici hanno anche ucciso i batteri buoni presenti nel corpo. Ciò significava che i pochi batteri resistenti agli antibiotici sono sopravvissuti e ora potrebbero crescere. Quasi senza ostacoli. Questi erano quelli che si riproducevano. 
  • Alcuni batteri erano persino in grado di diffondere le loro capacità di resistenza agli antibiotici ad altri batteri e causare ancora più problemi. 

Superbatterio resistente agli antibiotici, uso di antibiotici nel bestiame_ Ridurre la resistenza agli antibiotici - Amo il veterinario

Ciò significa che, fino ad oggi, i batteri resistenti agli antibiotici sono diventati più comuni. Per citare Darwin: “La sopravvivenza del più forte." I batteri in grado di sopravvivere alla maggior parte degli antibiotici erano quelli che crescevano e si riproducevano, aiutati dall'uso eccessivo e improprio degli antibiotici negli esseri umani e nel bestiame. 

I batteri resistenti agli antibiotici sono anche in grado di diffondersi, come qualsiasi tipo di batterio. Un essere umano o un animale portatore di un'infezione resistente agli antibiotici può diffonderla ad altri. Così come l'ambiente. 

Gli animali che trasportano batteri resistenti possono persino diffonderli ai prodotti alimentari. 

  • Possono diffondersi alla carne quando l'animale viene macellato e trasformato. 
  • Le feci e l'urina degli animali possono entrare nell'ambiente. Questo può contaminare il suolo e l'acqua. 

Dal 1928 è stata sviluppata una gamma di diversi tipi di antibiotici. Ma l'uso improprio e l'uso eccessivo hanno contribuito alla crescente resistenza. Ciò significa che alcune infezioni negli esseri umani hanno già sviluppato resistenza. Spesso, alla maggior parte oa tutti i farmaci e trattamenti disponibili. 

Il problema principale con questo è semplice. Gli esseri umani ora corrono un rischio maggiore di morire di infezioni. Infezioni che prima erano considerate semplici e facili da curare. Una possibilità che vale anche per i nostri animali da compagnia e animali da allevamento. 

Resistenza agli antibiotici, uso di antibiotici nel bestiame: ridurre la resistenza agli antibiotici - I Love Veterinary

Perché usiamo gli antibiotici in agricoltura? 

Se c'è il rischio di aumentare i batteri resistenti agli antibiotici, perché usiamo così tanti antibiotici in agricoltura? Come tutti gli esseri viventi, i nostri animali da allevamento sono suscettibili alle infezioni batteriche. Antibiotici vengono somministrati per trattarli. 

Va oltre, però. I consumatori chiedevano carne più e meno costosa: gli allevatori hanno quindi sentito il bisogno di garantire che la loro popolazione di animali fosse sempre in ottima salute. Per fare questo, gli antibiotici erano e sono tuttora, a volte usati come misura preventiva, piuttosto che come trattamento. 

In alcuni paesi, gli antibiotici vengono semplicemente aggiunti al mangime degli animali. Questo previene le malattie. È anche probabile che aumenti la produttività degli animali (gli animali malati producono meno). 

Forse più importante per gli agricoltori, aumenta i raccolti di carne. Per frenare l'uso crescente di antibiotici, è stato reso illegale in alcuni paesi. Compresi tutti i paesi dell'UE. 

Agnelli e pecore, uso di antibiotici nel bestiame_ Ridurre la resistenza agli antibiotici - I Love Veterinary

Ma gli antibiotici vengono somministrati esclusivamente per curare malattie batteriche o per aumentare la produzione? È ancora molto utilizzato in agricoltura. I dati del 2010 mostrano il consumo di antibiotici nel bestiame in una serie di paesi.

Riportato in milligrammi di ingrediente antibiotico totale utilizzato per chilogrammo di produzione di carne (mg/PCU). Ciò dimostra che varia molto tra i paesi: 

  • Norvegia: 4.0 mg/PCU 
  • USA: 85.5 mg/PCU
  • Giappone: 100.9 mg/PCU 
  • Italia: 421.1 mg/PCU 

Gli animali malati dovrebbero, ovviamente, ricevere cure. Ma, ove possibile, dovrebbero essere testati prima della somministrazione di antibiotici. Questo per determinare gli antibiotici più efficaci e prudenti da utilizzare. 

La raccomandazione delle grandi organizzazioni (come l'OMS) è che gli antibiotici non dovrebbero mai essere somministrati come stimolatori della crescita. Né come misura preventiva.  

Gallina sul campo, uso di antibiotici nel bestiame_ Ridurre la resistenza agli antibiotici - I Love Veterinary

Come possiamo ridurre l'uso di antibiotici nel bestiame? 

Molti paesi sono intervenuti ridurre la quantità di antibiotici Usato. Soprattutto quelli usati in agricoltura e negli animali da produzione alimentare. Una regolamentazione efficace sull'uso degli antibiotici si è rivelata una misura efficace per ridurre i tassi di utilizzo in diversi paesi europei. 

Ad esempio, i paesi scandinavi (Danimarca, Norvegia e Svezia) all'inizio degli anni '1990 e 2000 hanno gradualmente eliminato l'uso di antibiotici che promuovono la crescita. Ciò ha portato non solo a un calo generale dell'uso di antibiotici, ma anche dell'uso terapeutico. 

Ancora oggi, questi paesi hanno tassi di utilizzo di antibiotici 50-100 volte inferiori rispetto ad altri paesi europei. In parte a causa di buone pratiche per la salute del bestiame. Ciò significa che meno animali si ammalano. Naturalmente, il che significa che sono necessari meno antibiotici. Ma, anche a causa delle restrizioni normative imposte dai governi. 

Nel 2006 l'UE ha vietato l'uso di antibiotici per scopi non medicinali in tutti i paesi europei. Questo ha avuto successo variabile nel ridurre i consumi. Ma in alcuni paesi come la Germania e il Regno Unito, c'è un apparente declino. Ha inoltre incoraggiato i paesi a stabilire le proprie normative. Oltre a obiettivi per ridurre l'uso di antibiotici. 

La domanda dei clienti può anche aiutare a ridurre l'uso di antibiotici. Un numero maggiore di clienti che desiderano acquistare carne e prodotti agricoli che sono stati prodotti senza l'uso di antibiotici possono causare una diminuzione dell'uso di antibiotici. 

Veterinario con mucche in allevamento, uso di antibiotici nel bestiame_ Ridurre la resistenza agli antibiotici - I Love Veterinary

Come possiamo prevenire la resistenza agli antibiotici? 

Uno dei modi migliori per ridurre il rischio di sviluppo di batteri resistenti agli antibiotici è semplicemente l'uso di un minor numero di antibiotici. In combinazione con quando vengono utilizzati, vengono utilizzati in modo responsabile e corretto. 

Ma altre iniziative mirano a ridurre il numero di batteri resistenti. E combattere le infezioni di origine alimentare. Alcune delle soluzioni del Center for Disease Control and Prevention: 

  • Rileva e descrivi. I laboratori possono scoprire rapidamente la resistenza ai farmaci di origine alimentare utilizzando il sequenziamento dell'intero genoma. Questo è spesso usato per scoprire Campylobacter resistente ai farmaci e Salmonella
  • Trova i focolai più velocemente. Fatto testando gli isolati per la resistenza ai farmaci, spesso usati sulla Salmonella. 
  • Migliora i risultati sulla salute. Previene le epidemie. In tal modo si riducono i rischi che le persone malate diffondano ad altri batteri resistenti ai farmaci. 

Gallina bianca e pulcini che mangiano la stalla, uso di antibiotici nel bestiame_ Ridurre la resistenza agli antibiotici - I Love Veterinary

La cosa più importante è la corretta e etico uso di antibiotici da parte di professionisti. In particolare, utilizzando il giusto tipo di antibiotici e scegliendo quello che avrà l'effetto migliore su quel batterio specifico. 

Infine, anche la conformità e le informazioni del cliente sono uno strumento prezioso. Quando gli individui assumono antibiotici, per se stessi o per i loro animali, devono ricevere le giuste informazioni. Quindi sanno come, quando e per quanto tempo assumere i loro antibiotici. Per ridurre la possibilità di batteri resistenti, possibilmente sopravvivere. 

Spesso i tassi di utilizzo di antibiotici sono più significativi per i paesi ad alto reddito. Ma, come notato sopra, non è sempre così. Fanno eccezione la Norvegia, ma anche Finlandia, Svezia e Danimarca. Ciò dimostra che buone pratiche agricole e normative efficaci possono ridurre significativamente l'uso di antibiotici. A sua volta, riducendo il rischio di sviluppo di resistenza agli antibiotici. 

Sommario

I batteri resistenti ai farmaci sono una vera minaccia per la nostra salute globale, per il bestiame, gli animali da compagnia e gli esseri umani allo stesso modo. È così importante tenersi sempre aggiornati sulle più recenti informazioni scientifiche, linee guida e normative. Per garantire che possiamo mantenere tutti felici e in salute il più possibile. Ora e in futuro. 

La condivisione è la cura!

foto dell'avatar

AUTORE

Con un master in veterinaria conseguito presso l'Università di Copenaghen nel 2023, il percorso accademico di questo affermato scrittore è culminato in una tesi incentrata sulla "Fattibilità dell'uso degli ultrasuoni dell'addome per la diagnosi precoce dell'enterocolite necrotizzante nei suini neonati". Inoltre, la loro tesi ha approfondito l'intrigante argomento dell'"accumulo di mercurio nei cani da slitta groenlandesi". Al di là dei suoi risultati accademici, la sua passione per la salute degli animali si fonde perfettamente con il suo amore per la scrittura. Eccelle nell'armonizzare la precisione clinica con l'espressione letteraria, creando articoli che risuonano con il battito del cuore della sua professione veterinaria.

raccomandato

Punti caldi sui cani - Adoro la veterinaria

Punti caldi sui cani

5 min letto

Iscriviti alla nostra Newsletter

Lascia la tua email qui sotto per unirti alla squadra I Love Veterinary e goditi notizie regolari, aggiornamenti, contenuti esclusivi, nuovi arrivi e molto altro!