Linfocisti virali nei pesci

pubblicato da Jaclyn

Aggiornato su

Il blog I Love Veterinary è supportato dai lettori e potremmo guadagnare una commissione dai prodotti acquistati tramite i link in questa pagina, senza costi aggiuntivi per te. Ulteriori informazioni su di noi e sul nostro processo di revisione dei prodotti >

La maggior parte di noi ha una breve conoscenza del pesce. Pesci rossi a carnevale, pesci tropicali in un acquario decorativo, ma tuffiamoci davvero qui. C'è un intero mondo che ci manca. I pesci sono una grande fonte di informazioni infinite e sono una grande passione delle persone. 

Ciò che è ancora più notevole è il mondo educativo che si trova al suo interno. Una malattia, in particolare, è sul nostro radar, la linfocisti virale. A causa dei suoi effetti collaterali poco attraenti e anche del modo in cui colpisce i nostri pesci d'acqua dolce. Leggi di seguito per espandere la tua base di conoscenze su di esso. 

Pesce rosso che nuota nella vasca - I Love Veterinary

Un'introduzione alla linfocisti virale nei pesci

La linfocisti è una malattia virale nei pesci d'acqua dolce e marina (di acqua salata). Proveniente dalla famiglia degli Iridovirus, colpisce anche gli invertebrati e gli anfibi. 

È caratterizzato da noduli cutanei lungo le pinne e la cavità orale. A volte inizia come una pellicola sottile che progredisce in grumi e protuberanze. È strettamente correlato al megalocitivirus. 

Segni e tipi tipici di linfocisti

Alcuni segni clinici di linfocisti sono:

  • Protuberanze sollevate sui pesci (cavità orale, pinne e branchie)
  • Può iniziare come un film nebuloso.
  • Le protuberanze sono di colore da rosa a bianco.

Le lesioni causate da Lymphocystis sono non patogeno (non dannoso) e di solito si risolvono da soli. Tuttavia, se si verifica un'infezione secondaria, possono insorgere complicazioni. I noduli possono essere visibili ad occhio nudo, ma l'esame microscopico viene utilizzato per identificare il tipo di iridovirus che lo causa. 

Due tipi di virus della malattia della linfocisti si verificano nei pesci marini. Sono relativi alla specie che infetta. Sono:

  • Il virus della malattia di Lymphocystis 1 infetta la passera di mare e la passera di mare.
  • Il virus della malattia di Lymphocystis 2 infetta Dab.
Pesce rosso nelle vasche con la malattia di Lymphocystis - I Love Veternary

Eziologia e diagnosi della linfocisti virale nelle specie marine

Come affermato sopra, Lymphocystis è causata da iridovirus. Gli iridovirus sono classificati come aventi DNA a doppio filamento. Riconosciuta in tutto il mondo, la gamma ospite di questa malattia appartiene a oltre 125 specie di pesci d'acqua dolce e marini. 

La malattia non è sensibile alla temperatura e colpisce i pesci indipendentemente dall'acqua fredda o calda. Inoltre non discrimina la salinità dell'acqua attaccando sia i pesci d'acqua dolce che quelli marini. 

La diagnosi si basa sull'esame obiettivo, sulla citologia cutanea e/o sulla biopsia cutanea. Il tuo veterinario eseguirà un raschiamento della pelle per escludere altre malattie come:

  • Bianco ICH– un'infestazione parassitaria caratterizzata da protuberanze bianche sul corpo del tuo pesce. Questo alla fine può uccidere i tuoi pesci e può essere diffuso da un acquario all'altro. 
  • Epiteliocisti– una malattia nei pesci che attacca le branchie e la pelle del tuo pesce. È causato da batteri patogeni. Ciò causerà la comparsa di macchie bianche sulle branchie e sulla pelle che possono portare a gravi infezioni. Può eventualmente portare le branchie del tuo pesce a rimanere unite. 
  • Sarcoma dermico di Walleye– crescita causata da un virus che provoca verruche e noduli tumorali sul corpo del pesce. 
  • Iperplasia epidermica idiopatica– una malattia rara che provoca lesioni rosa o bianche sulla pelle del pesce. La sua causa è sconosciuta e di solito mostra un'epidermide ispessita. 

Fattori che contribuiscono alla diffusione della malattia

La trasmissione può avvenire in diversi modi. Sono elencati di seguito:

  • Attraverso ferite aperte sui tuoi pesci in acque contenenti virus.
  • Attraverso l'ingestione di cellule virali da parte dei pesci.
  • Dalla convivenza in acque infette da virus.

È importante notare che questo virus può sopravvivere a lungo nell'ambiente e infettare asintomatica (senza sintomi) pesce. Questo rende più difficile il controllo poiché potresti non essere consapevole che nessun pesce ce l'ha. 

Pesce passera sopra il fondale marino - I Love Veterinary

Specie di pesci sensibili

Come affermato in precedenza, ci sono oltre 125 specie di pesci che sono colpite dalla Lymphocystis virale. Alcuni dei più comuni sono: 

  • farfalla
  • Ciclidi
  • castagnole
  • labri
  • Ghiozzi
  • Pesce coniglio
  • Dentici
  • Batteria
  • Basso
  • sunfish
  • Perches
  • Crappy
  • aringhe
  • Odora
  • Pesce pipistrello
  • Pesce scorpione
  • pesce capra
  • Scatti
  • Platessa
Ghiozzo che si nasconde appena sopra la sabbia - I Love Veterinary

La linfocisti è contagiosa per l'uomo?

Lymphocystis non è una malattia zoonotica, il che significa che non può essere trasmessa all'uomo. Quindi sei sicuro di gestire i tuoi pesci senza preoccupazioni. Tuttavia, è noto che si diffonde da pesce a pesce, rane, serpenti e insetti. 

Trattare la linfocisti virale nei pesci

Non esiste un trattamento o un vaccino specifico per la linfocisti virale nei pesci. Tuttavia, ci sono alcune cose che tu e il tuo veterinario potete fare per aiutarlo. Per uno che identifica la giusta malattia per assicurarsi di trattarla adeguatamente. Puoi anche isolare quel pesce per prevenire un'ulteriore contaminazione o la diffusione di malattie. 

Tutti i pesci devono essere monitorati per eventuali malattie fungine opportunistiche o infezioni batteriche secondarie. In entrambi i casi, è necessario somministrare il trattamento con il farmaco appropriato per prevenire ulteriori danni ai pesci. 

Anche i tuoi pesci dovrebbero essere monitorati per assicurarsi che stiano mangiando bene. Quando si verificano noduli in bocca, possono interrompere le abitudini alimentari del pesce portando a problemi più gravi. 

È possibile eseguire la rimozione chirurgica o il debunking di particolari noduli di grandi dimensioni che interferiscono con la respirazione o il movimento del pesce. 

I virus tendono a diffondersi e peggiorare quando il sistema immunitario non è in perfetta forma. Lo stress è una di quelle cose che possono indebolire il tuo sistema immunitario. Pertanto, fare del proprio meglio per eliminare lo stress aiuterà a evitare che il virus peggiori. 

Ci sono alcuni modi per limitare lo stress. Assicurati che il tuo pesce abbia il tempo di accumularsi nell'ambiente circostante. Evita gli ambienti difficili e pratica sempre una corretta manipolazione e un ambiente sociale. 

Disinfezione dell'attrezzatura dopo l'uso

Come per qualsiasi malattia infettiva, assicurati che la tua attrezzatura sia pulita e disinfettata dopo averla utilizzata. Questo viene fatto per evitare la diffusione del virus. Ci sono molte controversie quando si tratta di disinfettare l'attrezzatura e il serbatoio per motivi di sicurezza. Ovviamente, dovrai rimuovere il tuo desiderio di pulire e disinfettare il serbatoio vero e proprio. 

Uomo che pulisce l'acquario - Amo la veterinaria

La candeggina e l'aceto sono ottime fonti di materiali per la pulizia. Ricorda, quando usi la candeggina, non mescolarla con altre sostanze chimiche in quanto può causare pericolo. Diluisci sempre la candeggina nella proporzione corretta per ottenere una soluzione al 10%. 

Quando usi la candeggina, assicurati di seguire i protocolli di sicurezza appropriati. Diluizione (come indicato sopra), ventilazione adeguata e assicurarsi di risciacquare bene tutti gli strumenti e le attrezzature dopo la pulizia. Questo serve per eliminare qualsiasi candeggina residua che potrebbe potenzialmente danneggiare i tuoi pesci e la vita acquatica. 

È importante notare che la candeggina sbiadirà le piante di seta dai colori vivaci. Se sono presenti depositi minerali, l'aceto è un'opzione migliore per rimuoverli. 

Misure preventive

Questo virus è complicato in quanto quando vedi i noduli sul tuo pesce, hai già avuto un focolaio. Ciò rende molto più difficile il controllo, ma non è mai troppo tardi per creare abitudini sane per evitarlo in futuro. Isolare qualsiasi pesce malato da un pesce sano è un inizio per contenere il virus. 

Mantenere i livelli di stress al minimo può anche aiutare a evitare focolai. Questo può essere fatto attraverso una corretta manipolazione, utilizzando un materiale adeguato per rivestire il fondo del serbatoio e utilizzando un'adeguata gestione comportamentale. 

Sfortunatamente, questa malattia è molto comune e ha un lungo tempo di incubazione che rende più difficile l'individuazione e il controllo. Ma fortunatamente, questa malattia non è pericolosa per la vita e i tuoi pesci possono vivere una bella vita con essa. 

La condivisione è la cura!

AUTORE

Jaclyn è un tecnico veterinario autorizzato (LVT) che ha una laurea in giornalismo. Unire i suoi due interessi, la scrittura e la medicina veterinaria, è una vera passione. Jaclyn ha già creato il suo blog chiamato The Four Legged Nurse. Ha la fortuna di avere due figli, un marito meraviglioso e quattro devoti cuccioli di pelo. Nel tempo libero ama trascorrere il tempo con la famiglia, leggere e andare a cavallo.

raccomandato

pediatrico per cani

Pedialyte per cani: aggiornato al 2024

8 min letto

Iscriviti alla nostra Newsletter

Lascia la tua email qui sotto per unirti alla squadra I Love Veterinary e goditi notizie regolari, aggiornamenti, contenuti esclusivi, nuovi arrivi e molto altro!