I primi sintomi della rabbia nei cani

pubblicato da Amo la veterinaria

Aggiornato su

Il blog I Love Veterinary è supportato dai lettori e potremmo guadagnare una commissione dai prodotti acquistati tramite i link in questa pagina, senza costi aggiuntivi per te. Ulteriori informazioni su di noi e sul nostro processo di revisione dei prodotti >

Che cos'è la rabbia?

Come proprietario di un animale domestico, ci sono alcuni primi sintomi di rabbia nei cani che devi conoscere. La rabbia è una malattia virale di tutti i mammiferi che viene trasmessa attraverso la saliva (mordere) di animali affetti da rabbia.

Una volta nell'organismo dell'animale morso, il virus infetta il SNC (Sistema Nervoso Centrale) provocando di conseguenza sintomi e disfunzioni nervose, e la morte.

Molti animali selvatici sono portatori, serbatoi di rabbia e hanno maggiori probabilità di trasmettere il virus all'uomo, agli animali domestici e agli animali domestici. Tali animali selvatici includono pipistrelli, coyote, puzzole, procioni e volpi.

Sebbene la trasmissione generale avvenga attraverso ferite da morso, ci sono stati pochi casi in cui è stata notata una trasmissione di aerosol in aree chiuse con un'alta densità di animali infetti all'interno, ad esempio le grotte dei pipistrelli.

Il virus è sensibile e non sopravvive per lunghi periodi al di fuori del corpo dell'animale ospite, così come nella carcassa di un animale malato.

primi sintomi di rabbia nei cani

Ogni caso di morso da parte di un animale malato non finisce con un'infezione dell'animale sano. Gli scienziati pensano che circa il 15-20% degli esseri umani che sono stati esposti alla rabbia finiranno per essere infettati. Anche gli animali domestici sono leggermente suscettibili al virus.

Sintomi

Ci sono diverse fasi nello sviluppo dei sintomi di Infezione da rabbia. Il virus si muove molto lentamente e il periodo di incubazione può variare da 3 settimane fino a 6-8 settimane.

Ci sono stati casi in cui è stato notato un periodo di incubazione di 12 mesi nelle persone e fino a sei mesi nei cani. Durante questo periodo il virus raggiungerà il SNC per poi spostarsi nelle ghiandole salivari dell'animale. L'animale può mostrare i sintomi di una fase, due fasi o tre fasi della malattia.

La prima fase dell'infezione da rabbia è nota come fase prodromica. Di solito, la fase iniziale nei cani dura da due a tre giorni nei cani e da uno a due giorni nei gatti. Durante questo periodo l'animale mostra segni di comportamento nervoso, solitudine, ansia e febbre.

spiegazione del dizionario della rabbia con siringa e fiala

Gli animali comunemente aggressivi possono trasformarsi in affettuosi e quelli calmi possono essere facilmente irritati o diventare timidi.

La fase Furious Rabies interviene in seguito. Questa fase può durare fino a una settimana e i gatti sono più inclini dei cani a sviluppare questa particolare fase. Durante questo periodo si nota una risposta ipersensibile agli stimoli sia visivi che uditivi nell'animale, che diventa irritabile e irrequieto.

Man mano che la malattia si sviluppa, i segni progrediscono e alla fine l'animale malato diventa più o meno disorientato. Non è raro che gli animali colpiti durante questa fase abbiano convulsioni e muoiano di conseguenza.

La terza, la fase paralitica può seguire sia la fase prodromica che quella furiosa. Il momento in cui inizia questa fase è di solito 2-4 giorni dopo i segni iniziali della malattia. I sintomi includono aumento della salivazione, mascella cadente e respiro affannoso accompagnato da suoni di soffocamento.

Tutto ciò è dovuto a danni ai nervi della testa e al collo e alla paralisi muscolare. Gli animali muoiono a causa di insufficienza respiratoria.

Diagnosi

Il metodo utilizzato di routine per diagnosticare la rabbia negli animali è l'esame microscopico del tessuto cerebrale. Vengono menzionati alcuni nuovi metodi sierologici e cutanei, ma sono sottoposti a un processo di studio e non sono ancora ampiamente accettati, ma promettono un modo potenzialmente facile e veloce per diagnosticare la rabbia.

Vaccinazione e profilassi

I modi migliori per proteggere te stesso e il tuo animale domestico sono seguire severi protocolli di vaccinazione in merito Vaccinazione contro la rabbia, obbligatorio nella maggior parte dei paesi e degli stati del mondo.

vaccinazione contro la rabbia

Anche se i proprietari sono obbligati a immunizzare i loro animali domestici, ancora molti animali da compagnia non riescono a ottenere nemmeno una singola dose di vaccino contro la rabbia. La situazione è leggermente migliore con i cani rispetto ai gatti, ma i gatti contraggono la malattia più frequentemente.

Il protocollo di vaccinazione standard per la maggior parte del mondo prevede di vaccinare l'animale a quattro mesi di età e quindi somministrare un'iniezione di richiamo a un anno di età (USA) o un anno dopo la prima iniezione di vaccino (Europa).

Successivamente, a seconda del paese o dello stato, si raccomandano rivaccinazioni ogni anno, ogni due anni o ogni tre anni.

Anche se il tuo animale domestico è stato adeguatamente immunizzato, segnala sempre i casi in cui è stato morso o graffiato da un animale selvatico o ha graffi sul corpo di origine sconosciuta. Per evitare tali disgrazie, tieni il tuo animale al sicuro da animali randagi e selvatici.

Il corretto programma di vaccinazione è obbligatorio per gli animali che attraversano i confini. La maggior parte dei paesi richiede che un animale sia vaccinato contro la rabbia all'arrivo. Il periodo tra l'ultima vaccinazione e l'orario di arrivo non deve essere superiore a un anno e non inferiore a tre settimane.

Persone e rabbia

In una situazione in cui un animale morde un essere umano, l'animale verrà quindi osservato per dieci giorni o messo in quarantena. I requisiti di quarantena dipenderanno principalmente dal fatto se l'animale è stato vaccinato o meno.

ferita da morso di cane da rabbia sul bambino

Nei casi in cui gli esseri umani sono stati esposti al virus, viene somministrato loro siero iperimmune contenente anticorpi che li proteggono dall'infezione. Prima di ciò, è importante che la persona morsa lavi accuratamente la ferita con acqua e sapone per un paio di minuti e trovi assistenza medica immediata.

La profilassi post-esposizione comprende anche un regime di quattro dosi di vaccino antirabbico nell'arco di due settimane, somministrando la prima, la terza, la 3a e la 7ath giorni.

Settembre 28th is Giornata Mondiale della Rabbia e in questo modo, abbiamo preparato una scheda informativa per il grave impatto che la rabbia ha sulla salute pubblica in tutto il mondo.

  • La malattia virale si verifica in più di 150 paesi ogni anno.
  • La principale fonte di rabbia nell'uomo sono i cani e le ferite da morso di cane (99% dei casi segnalati).
  • La rabbia è fatale per il 99.99% una volta che si manifestano i sintomi.
  • La malattia è segnalata in tutti i continenti, ad eccezione dell'Antartide.
  • Circa 60.000 muoiono di rabbia ogni anno, di cui il 99% in Asia e Africa.
  • Quasi la metà dei decessi segnalati a causa della rabbia riguarda bambini di età inferiore ai 15 anni.
  • La rabbia urbana è un problema costante nella maggior parte dei paesi del terzo mondo.

La condivisione è la cura!

AUTORE

Progetto dedicato al supporto e al miglioramento della Medicina Veterinaria. Condivisione di informazioni e discussioni nella comunità veterinaria.

raccomandato

pediatrico per cani

Pedialyte per cani: aggiornato al 2024

8 min letto

Iscriviti alla nostra Newsletter

Lascia la tua email qui sotto per unirti alla squadra I Love Veterinary e goditi notizie regolari, aggiornamenti, contenuti esclusivi, nuovi arrivi e molto altro!