Shunt portosistemico nei cani: a cosa prestare attenzione

foto dell'avatar

pubblicato da Amo la veterinaria

Aggiornato su

Il blog I Love Veterinary è supportato dai lettori e potremmo guadagnare una commissione dai prodotti acquistati tramite i link in questa pagina, senza costi aggiuntivi per te. Ulteriori informazioni su di noi e sul nostro processo di revisione dei prodotti >

A shunt portosistemico nei cani (PSS più avanti in questo articolo) è una condizione che spiega una connessione insolita tra la circolazione sistemica del corpo e il sistema vascolare portale nel cane e nel gatto. In questo articolo parleremo di questa condizione nei cani, poiché raramente si vede nei gatti.

Quando questa condizione è presente in un cane, il sangue dagli organi dell'addome, che di solito dovrebbe essere drenato nel fegato dalla vena porta, viene invece bypassato o deviato verso la nuova circolazione sistemica dallo shunt portosistemico. 

In traduzione, ciò significherebbe che alcune delle proteine, dei nutrienti e delle tossine che vengono solitamente assorbite dall'intestino bypasseranno il fegato e la sua circolazione e saranno "deviate" direttamente nella circolazione sistemica del cane.

fegato di cane
Fegato di cane

La maggior parte degli shunt portosistemici nei cani sono considerati congeniti o che il cane o il gatto sono nati con esso. Uno shunt portosistemico congenito nei cani è diviso in due categorie: 

  • Intraepatico (quando lo shunt appare all'interno del fegato) e 
  • Extraepatico (quando lo shunt appare al di fuori del fegato). 

A volte, in determinate condizioni, gli shunt portosistemici possono svilupparsi in seguito ad altri problemi al fegato come cirrosi, colangioepatite cronica, neoplasma del fegato e fistole artero-venose. Questi shunt portosistemici sono noti come acquisiti.

Quali razze di cani sono predisposte alla PSS?

Le basi genetiche di uno shunt portosistemico sono ancora sconosciute a veterinari e ricercatori. Tuttavia, nel corso dei decenni, gli scienziati hanno scoperto che alcune razze di cani, rispetto ad altre, hanno maggiori probabilità di avere questa condizione. 

Ciò non significa che altre razze canine, o cani di razza mista, non possano avere PSS congenito o acquisito. 

pug 1 I Love Veterinary - Blog per veterinari, tecnici veterinari, studenti

Le razze canine in cui si osserva la maggior parte dei casi di PSS includono:

  • Cani maltesi
  • Yorkshire Terrier
  • Cairn Terrier
  • Schnauzer nani
  • Levrieri irlandesi
  • Golden Retriever
  • Labrador Retriever
  • Bovari australiani
  • Vecchi cani da pastore inglesi 
  • Cani Havanesi
  • Carlini
  • Bichon Frisé
  • Shih Tzu's
  • Jack Russell Terrier
  • Border Collie

Uno shunt portosistemico congenito si osserva solitamente nei purosangue cani invece di cani di razza mista. I cani di razza mista che mostrano sintomi e sono diagnosticati con shunt portosistemico canino di solito hanno il tipo acquisito che segue un altro problema o disfunzione epatica primaria. 

I ricercatori hanno scoperto che gli shunt portosistemici congeniti variano anche dalla posizione geografica del cane, a causa delle caratteristiche genetiche e ambientali della regione. 

I ricercatori hanno anche scoperto che le razze di cani di grossa taglia (90%) tendono a soffrire di shunt portosistemici intraepatici e le razze di cani di piccola taglia (93%) di solito vengono diagnosticate con shunt portosistemici extraepatici. 

Il verificarsi di PSS congenito inoperabile o insolito nei cani è più probabile che si verifichi in razze che non sono nell'elenco delle razze di cani predisposti. Una possibile spiegazione di ciò è che le razze di cani predisposte di solito soffriranno di difetti genetici programmati e attesi e il PSS nelle specie non predisposte probabilmente è il risultato di errori casuali nell'embriogenesi. 

Anche se lo shunt portosistemico congenito è considerato ereditario, viene chiarito l'esatto meccanismo di questa eredità.

Patogenesi ed emodinamica

Gli shunt portosistemici sono considerati connessioni anormali o insolite tra il sistema portale di un cane (vene mesenteriche, freniche e spleniche gastriche, caudali e craniche) alla vena cava caudale. 

Quando è presente uno shunt portosistemico congenito, è il risultato di un dotto venoso persistente. Questa è una forma di sinusoidi epatici e vasi portale dallo sviluppo fetale.
Ciò è causato da un'incapacità del sistema circolatorio fetale del fegato di cambiare alla nascita. 

Tipicamente, ci si aspetta che il sangue della placenta aggiri il fegato e entri in circolazione attraverso il dotto venoso (vaso sanguigno fetale). Il dotto venoso dovrebbe chiudersi alla nascita. 

In caso contrario, si verificherà uno shunt intraepatico. In confronto, gli shunt extraepatici derivano da un'anomalia nello sviluppo delle vene vitellina che collegano la vena porta alla vena cava caudale. 

Nei cani giovani e adulti con uno shunt portosistemico, il sangue dell'intestino passerà solo parzialmente attraverso il fegato e il resto verrà remixato nella circolazione generale. Ciò significa che le tossine come l'ammoniaca non verranno svuotate dal fegato. 

Gli shunt portosistemici congeniti nei cani sono generalmente solitari, mentre gli shunt portosistemici acquisiti sono multipli e causati da ipertensione portale. 

Gli shunt portosistemici acquisiti si osservano solitamente nei cani anziani che soffrono di cirrosi, ma possono essere visti nei cani più giovani che soffrono di fibrosi epatica causata dall'epatite dissecante. 

Segni e sintomi di PSS canino

Molti dei segni e sintomi clinici di uno shunt portosistemico nei cani saranno la conseguenza del sangue circolatorio non filtrato attraverso il fegato. Questo sangue non filtrato avrà alti livelli di tossine che verranno inviate al cervello e saranno tossiche per il sistema nervoso centrale. Questo farà sì che il cane mostri una varietà di segni neurologici. 

Questi segni neurologici possono includere:

  • Iperattività
  • Letargo
  • Irrequietezza
  • Incoordinazione
  • Cecità
  • Stupore
  • Atassia 
  • Pressatura della testa 
  • Convulsioni
  • Coma
  • Morte

Altri segni generali possono includere:

  • Sviluppo e crescita compromessi
  • Scarso sviluppo muscolare
  • Condizione di deprivazione 
  • Anoressia 
  • vomito
  • Diarrea 
  • Costipazione 
  • Cistite 
  • Poliuria e polidipsia (acqua potabile e minzione eccessive)
  • Stranguria (difficoltà a urinare)
  • Ematuria (sangue nelle urine)
  • Calcoli vescicali urinari (a causa dell'aumento dell'acido urico nella circolazione escreto dai reni)
  • Salivazione eccessiva (ptialismo) ma è più frequente nei gatti piuttosto che nei cani.

Come puoi vedere, i segni clinici di uno shunt portosistemico nei cani sono molto variabili. La maggior parte dei cani svilupperà alcuni di questi segni clinici all'inizio della vita, già a sei mesi di età. 

Inoltre, molti cani possono avere solo pochi segni clinici e segni che non sono molto facili da collegare a questa condizione. I segni clinici possono anche essere episodici, il che rende la diagnosi molto difficile. 

La maggior parte dei pazienti canini con shunt portosistemico mostrerà una storia di malessere generale. Molti dei cani saranno piccoli per la loro età e mostreranno comportamenti bizzarri. 

Questi cani mostreranno anche una scarsa tolleranza ai sedativi e agli anestetici. Le radiografie possono anche mostrare reperti accidentali di un piccolo fegato. Molti dei cani mostreranno la comparsa di segni clinici neurologici dopo aver mangiato un pasto ricco di proteine. 

Le cause degli shunt portosistemici

Come abbiamo appreso, gli shunt portosistemici nei cani sono congeniti o acquisiti. Gli shunt portosistemici congeniti sono causati da un dotto venoso persistente o da una mancata chiusura del dotto alla nascita. 

Boston Terrier in preparazione per un intervento chirurgico

Ciò si tradurrà in uno shunt intraepatico. Gli shunt extraepatici derivano da molteplici anomalie dello sviluppo delle vene vitellina che collegano la vena porta alla vena cava caudale. 

Gli shunt portosistemici acquisiti nei cani sono più comunemente il risultato di malattie epatiche primarie come la cirrosi o l'ipertensione epatica. Questo tipo di shunt portosistemico è solitamente visto nei cani più anziani e in qualsiasi razza di cane.

Diagnosi PSS

La diagnosi di uno shunt portosistemico nei cani può essere piuttosto difficile a causa delle molte varietà di segni e sintomi clinici. 

Se il tuo veterinario sospetta che il tuo dio possa avere uno shunt portosistemico, preparati per un ampio lavoro diagnostico. Alcuni dei test diagnostici possono essere condotti dal veterinario primario, ma molti casi sono riferiti a uno specialista veterinario. 

 Nei cani con segni clinici sospetti, il veterinario eseguirà diversi esami del sangue:

Untitled design 39 I Love Veterinary - Blog per veterinari, tecnici veterinari, studenti

Emocromo completo

L'emocromo completo potrebbe mostrare una lieve anemia microcitica, normocromica non rigenerativa, poichilociti e cellule bersaglio.

Queste anomalie sono considerate il risultato di sequestro di ferro, carenza di ferro e metabolismo anormale dei lipidi. 

Profilo biochimico

Il profilo biochimico di solito non mostra enzimi epatici elevati, ma alcuni cani sospettati di PSS potrebbero mostrare valori elevati di ALT, AST e ALP. I cani sospettati di shunt portosistemico mostreranno ipoalbuminemia, ipocolesterolemia, diminuzione dell'azotemia, ipoglicemia (soprattutto dopo il digiuno) e aumento delle concentrazioni sieriche di acidi biliari a causa della scarsa funzionalità epatica. Le concentrazioni di acidi biliari vengono misurate dopo il digiuno e 2 ore dopo un pasto. 

Quando misurati, nei cani sani, gli acidi biliari a digiuno sono 5-15 µmol/L, ma nella maggior parte dei cani con uno shunt portosistemico sono superiori a 25 µmol/L. 

Gli acidi biliari misurati dopo 2 ore di pasto nei cani con shunt portosistemico sono superiori a 75 µmol/L. 

Uno studio ha dimostrato che i cani maltesi sani hanno acidi biliari ingannevolmente elevati a causa di una sostanza chimica che può interferire con la spettrofotometria.

Analisi delle urine

L'analisi delle urine mostrerà un basso peso specifico e la presenza di cristalli di biurato di ammonio.

Analisi delle urine

Biopsia epatica

Se viene eseguita una biopsia epatica, mostrerà segni di atrofia, diminuzione del numero di affluenti portali e proliferazione delle arteriole e dei dotti biliari. 

Le radiografie

Su radiografie semplici, senza contrasto, possiamo vedere un piccolo fegato. Alcuni cani con shunt portosistemico possono avere reni ingrossati o la presenza di calcoli nei reni e/o nella vescica (calcoli di urato o struvite). 

Ultrasuono

L'ecografia può essere uno strumento utile per rilevare uno shunt portosistemico nei cani. Tuttavia, avrai bisogno di un ecografo di alta qualità e di uno specialista di ultrasuoni con un occhio molto allenato. 

Gli shunt intraepatici possono essere facilmente rilevati tramite ultrasuoni perché sono molto grandi. 

A volte, se lo shunt non può essere visualizzato sull'ecografia, possono essere visti altri segni, come reni ingrossati e sedimenti nel rene e nella vescica. Quando è presente uno shunt portosistemico congenito, è possibile visualizzare una diminuzione della vena porta e un flusso sanguigno molto turbolento. 

Esiste un altro metodo per rilevare gli shunt tramite ultrasuoni e include l'iniezione di soluzione salina agitata nella milza e l'ecografia nella vena cava distale o nell'atrio destro alla ricerca di bolle d'aria. 

Portogramma

Un portogramma è un pratico strumento diagnostico per rilevare gli shunt portosistemici in tutti gli animali. Richiede l'iniezione di una soluzione di contrasto fisiologica, radioopaca e solubile in acqua in una vena splenica o digiunale cateterizzata (2 ml/kg è la dose massima). 

Dopo l'iniezione, le radiografie vengono eseguite ogni 1-3 secondi o continuamente se si utilizza un fluoroscopio. Se è presente uno shunt, mostrerà in modo molto caratteristico. 

Scintigrafia nucleare 

Per questa procedura, l'iniezione viene eseguita direttamente nella milza e fornisce un portogramma in alcuni animali. Circa il 70% dei casi consente un'accurata differenziazione tra un singolo shunt portosistemico congenito e più shunt extraepatici. 

Dopo questa procedura, gli animali sono radioattivi e, per questo motivo, il veterinario chiederà al cane di trascorrere la notte in ospedale. 

Tecniche chirurgiche

Quando viene diagnosticato uno shunt portosistemico nei cani, l'opzione di trattamento preferita è la chirurgia. Affinché l'intervento chirurgico possa essere eseguito, il paziente deve prima essere stabilizzato, quindi i cani sottoposti a convulsioni perché lo shunt deve prima essere medicato perché altrimenti non sopravviveranno all'intervento chirurgico. 

Per gli shunt congeniti solitari, l'obiettivo dell'intervento chirurgico è la rigenerazione del tessuto epatico restituendo l'irrorazione sanguigna epatica e prevenire ulteriori fibrosi e atrofia epatica. Per questo intervento è necessario un veterinario esperto. 

Gli shunt extraepatici (e alcuni shunt intraepatici) possono essere riparati mediante l'inserimento di costrittori aneroidi (anello di acciaio inossidabile con nucleo caseoso interno) o bande di cellophan sulla vena azygos o vena cava caudale. 

Quando viene inserito il costrittore dell'ameroide, il nucleo assorbirà il liquido addominale, si gonfierà e provocherà una reazione del tessuto fibroso. Ciò causerà una chiusura graduale nell'arco di due o quattro settimane. 

In alcuni casi, se l'anello è troppo piccolo o troppo largo, potrebbe svilupparsi ipertensione portale. Le bande di cellophan funzionano in modo simile ai costrittori dell'ameroide, causando la fibrosi dello shunt. La fascia di cellophane dovrebbe anche essere più grande del diametro dello shunt per evitare l'ipertensione portale. 

Gli shunt intraepatici possono essere trattati con la legatura chirurgica della vena epatica, che drenerà lo shunt o il ramo che fornisce sangue allo shunt, la legatura dello shunt stesso, l'occlusione intravascolare dello shunt o le bobine di embolizzazione. Con la legatura, aumenta il rischio di congestione epatica e grave emorragia. 

cane con cono di vergogna

Prognosi

Dopo il posizionamento di aneroidi o bande di cellophan, l'85% dei cani diventa clinicamente normale e sano entro quattro mesi dall'intervento. 

Gli shunt intraepatici avranno un tasso di mortalità più elevato a causa della difficoltà dell'intervento chirurgico (5-25%).

Tassi di mortalità inferiori si osservano con l'embolizzazione della bobina, ma i cani devono essere tenuti in terapia gastroprotettiva per tutta la vita. 

Nei cani con legatura parziale dello shunt, vi è una ricomparsa dei segni clinici dopo tre anni dall'intervento. Molti di questi cani svilupperanno più PSS. 

I cani con shunt portosistemico, prima e dopo l'intervento chirurgico, dovranno subire un cambio di dieta. Ciò significa che dovranno essere inseriti in un regime dietetico a basso contenuto proteico e ricco di fibre per ridurre il numero di tossine assorbite attraverso l'intestino. 

Ai cani dovrebbe essere somministrato quotidianamente lattulosio per modificare il livello di pH dell'intestino e diminuire l'assorbimento di ammoniaca e altre tossine. Ciò creerà un ambiente nell'intestino sfavorevole per i batteri produttori di tossine.

Conclusione

Uno shunt portosistemico nei cani è una grave condizione pericolosa per la vita che richiede una serie di test e interventi chirurgici per essere risolta. Molti cani potrebbero non essere diagnosticati a causa della casualità dei segni e dei sintomi clinici. 

Shunt portosistemico significa che c'è una serie extra di vene nella circolazione epatica. Il sangue dalla circolazione che deve essere filtrato attraverso il fegato viene bypassato e reimmesso nella circolazione sistemica. 

Ciò significa che le tossine non vengono filtrate e sono nuovamente nel flusso sanguigno, causando vari sintomi neurologici, gastrointestinali e molti altri. 

Il modo preferito per "aggiustare" lo shunt è l'intervento chirurgico e la maggior parte dei cani vive una vita felice e sana in seguito.

cane di razza mista che fa il cinque

La condivisione è la cura!

foto dell'avatar

AUTORE

Progetto dedicato al supporto e al miglioramento della Medicina Veterinaria. Condivisione di informazioni e discussioni nella comunità veterinaria.

raccomandato

pediatrico per cani

Pedialyte per cani: aggiornato al 2024

8 min letto

Iscriviti alla nostra Newsletter

Lascia la tua email qui sotto per unirti alla squadra I Love Veterinary e goditi notizie regolari, aggiornamenti, contenuti esclusivi, nuovi arrivi e molto altro!